Traduzioni asseverate: perché sono tanto importanti in tribunale

Traduzioni asseverate perché sono tanto importanti in tribunale

Chi lavora con la legge, che sia un avvocato o un tecnico chiamato a redigere una perizia giurata, conosce benissimo le traduzioni asseverate. Si tratta di traduzioni naturalmente, che però hanno tutti i requisiti per essere depositate in Tribunale ed entrare di diritto tra la documentazione utile nelle cause. Le traduzioni asseverate olandese italiano, come spiegato da Pierangelo Sassi, non fanno eccezione, e si rivelano importanti anche in altri settori. È quello che vedremo in questa guida.

Traduzioni asseverate olandese italiano: cosa sono

Come prima cosa va specificato che a fornire traduzioni sono in generale tutti i freelance che operano come traduttori.
Quando si tratta però di asseverare queste traduzioni, il campo si restringe.
Non tutti infatti sono in grado di poterlo fare.
Innanzitutto si deve avere una grandissima padronanza della lingua, e non basta in questo nemmeno essere madre lingua.
Infatti la traduzione deve essere fatta non solo sulle parole, ma anche sulle espressioni idiomatiche e sui modi di dire. Facciamo un esempio molto pratico e semplice.
Se in italiano si usa l’espressione ‘toccare ferro’ per intendere un gesto scaramantico, non significa che anche in olandese si dica la stessa cosa.
In primo luogo si potrebbe usare una formula diversa (in inglese si dice ‘toccare legno’); in secondo luogo potrebbe non essere presente addirittura nessun segno scaramantico.
Se nel parlato quotidiano ciò è importante per la comprensione di un testo tradotto, figuriamoci per un documento legale.

Traduzioni asseverate in tribunale

Veniamo al cuore del discorso, per far comprendere quanto una traduzione ben fatta si riveli determinante in questo ambito.
Procediamo con un altro esempio.
In un processo per risarcimento danni devono essere ascoltati alcuni testimoni.
La deposizione di uno di questi viene inviata alla controparte che ha sede in Italia, la quale sarà rappresentata da un legale italiano.
Si deve quindi redigere un’altra deposizione, farla tradurre in olandese e poi trasmettere al tribunale di competenza, appunto olandese.
Se la traduzione, prima ancora di essere asseverata (cioè di subire quel procedimento legale che la rende valida come atto) fosse poco corretta, tutta la causa verrebbe compromessa, con grave danno della parte lesa.

Traduzioni asseverate: come si procede

Non solo tribunali: sono tanti infatti gli ambiti di utilizzo che prevedono le traduzioni asseverate dall’olandese all’italiano o viceversa (approfondisci qui https://www.pierangelosassi.it/traduzioni-olandese-italiano/). Forse può essere più agevole tradurre il termine asseverate con ‘giurate’.
Da questa particolarità si deduce l’importanza che tali traduzioni assumono.
Si tratta di documentazione redatta da un professionista che garantisce che la traduzione stessa è conforme al 100% alla documentazione originale.
Come funziona poi l’asseverazione?
Con la traduzione ci si reca in tribunale per l’iter, dove verrà certificata la corrispondenza totale tra i due documenti.
Solo a quel punto si potrà depositare la traduzione tra gli atti del processo o della causa in corso, e comprenderà tre parti: l’originale, la traduzione e il verbale che ne certifica la conformità).
Le competenze di un traduttore devono essere davvero specifiche in tal senso.
Egli dovrà conoscere non solo la terminologia legale del paese di destinazione, ma dovrà anche rispettare rigorosamente la tempistica.
Se per una traduzione normale è prevista infatti una penale in caso di ritardo, nulla potrà ripagare la deposizione tardiva di una traduzione asseverata.
I tribunali non aspettano e si rischia di non poter più produrre la propria testimonianza.
Molti sono gli ambiti di utilizzo:
Ad esempio:

  • se si deve depositare presso la Camera di Commercio un bilancio di una consociata estera;
  • se si deve produrre un rendiconto amministrativo o finanziario o ancora economico nell’ambito di un’ispezione tributaria;
  • se si deve eseguire una visura camerale da acquisire;
  • se si deve redigere un contratto;
  • se si devono trasferire all’estero, in cause ereditarie, certificati di nascita o di morte.